Nel mese di novembre ci sarà un’attività molto intensa per quanto riguarda la nostra presenza a Sokponta,  con un evento che corona e completa la struttura  ospedaliera facendo ulteriormente  balzare in alto l’eccellenza delle nostre prestazioni.

Ci saranno due missioni chirurgiche:

– Al 10 partirà l’equipe sostenuta e diretta da Pierluigi Seymandi, il nostro vicepresidente e chirurgo

Con lui ci saranno le dottoresse: Manetti Brunella capo anestesista coadiuvata da Grazia Bosatra e Tundo Maria Giulia e le infermiere pediatriche e strumentiste di sala Ferrari Patrizia, Longhin Raffella tutte proveniente dall’Ospedale S. Gerardo di Monza e infine Grazia Cocchiara dal Gaslini Genova.

Il nostro amico di sempre e della prima ora Giancarlo Fracasso partirà anche lui il 10 novembre e avrà l’arduo compito, che a lui non dispiace, di preparare e assemblare una documentazione completa e approfondita di tutto il lavoro svolto fino ad ora a Sokponta. A Sokponta si sentiva la mancanza..di lui!!

– Il 20 novembre rientrano Maria Grazia, Raffaella e Patrizia ma arriva giù un foltissimo gruppo di partecipanti in parte con competenze mediche e paramediche e altri per dare sostegno nelle attività correnti e una mano soprattutto per preparare il grande evento: L’INAUGURAZIONE DELLA NEONATALOGIA IL 25 NOVEMBRE.

Ci sarà Roberto Chiapponi, ormai pilastro della Maternità e ginecologia del nostro ospedale e le anestesiste e infermiere sempre dal S. Gerardo, Alessandra Moretto, Jessica Zonca, Mara Tuberosi e l’ostetrica Margherita Milani.

Sarà con noi anche la pediatra Marisa Bechaz da Aosta, neonatologa,e Ludovica Tagliabue medico di famiglia, di Milano.

Ci saranno dei rientri importanti soprattutto quello di Emilio Di Menza, cofondatore dell’Associazione e pilastro insostituibile della costruzione dell’ospedale per quanto riguarda soprattutto l’allestimento degli impianti, interni ed esterni, e il suo sostegno discreto e silenzioso a tutta l’opera portata avanti fino ad ora.

Con lui ci sarà Elena Di Menza, Elia Di Menza, un altro rientro importante Pierpaolo Chilin e Francesca Chilin. Sarà con noi un grande amico, Roberto Andreis in rappresentanza anche del gruppo di Imperia che ha dato un grossissimo contributo alla costruzione della neonatologia e infine Anna Repossi e Paolo Tagliabue, nostro consigliere. Una parola in più per Paolo e Anna: GRAZIE!!!! E’ a causa loro che siamo riusciti a mettere in piedi una neonatologia di questo livello! Il loro contributo è stato determinante e risolutivo nell’allestimento sia della struttura muraria sia dell’attrezzatura. I bambini e i genitori di Sokpontà non mancheranno di ringraziarli personalmente e affettuosamente.

Anch’io sarò a Sokponta dal 20 al 27 novembre, felicissimo di vedere che il nostro sogno, piccolo neonato nel 2005, è diventato adolescente e che sicuramente arriverà alla piena maturità con l’aiuto e la collaborazione di tante persone che ci stanno vicine, che ci vogliono bene e ci sostengono con tutto quanto è nelle loro possibilità:

G RA Z I E!!!!

4
3
2
1

In questo grande progetto che si sta realizzando voglio anche ricordare la preziosa collaborazione del Gruppo Aleimar,  http://aleimar.it/ ,di Melzo, che si accollerà una grande fetta delle spese che ci saranno per la gestione del nuovo reparto, sia in termini di personale che di materiale occorrente. Lo stesso sta svolgendo in questo momento in cui scrivo, un lavoro di preparazione mirato anch’esso alla prevenzione delle gravidanze precoci e a esplorare, insieme con noi, la possibilità di strutturare anche un centro nutrizionale all’interno del nostro ospedale.

Un’altra missione, che si integrerà nelle nostre, sarà quella della Cooperativa Minerva, http://www.coopminerva.org/la-cooperativa/ , capeggiata e diretta da Maria Pia Caprini presidente della stessa Coop e mio Vicedirettore Generale del nostro ospedale a Sokponta.

La missione chirurgica pediatrica si occuperà dei bambini che già sono stati inseriti in una lista preparata dai nostri medici e dal pediatra dell’ospedale, e continuerà nel servizio facendo nell’ immediato consultazioni per valutare la necessità dell’intervento chirurgico nei piccoli pazienti.

Mentre il  nostro ginecologo, non essendoci in loco nessuna specialità di competenza, farà tutto nella situazione: visite, arruolamento  e eventuali  interventi .

La missione di Minerva è:

– continuare nell’approntare e realizzare il grande compito  dello sviluppo della collaborazione tra famiglie, insegnanti e presidi per una scolarizzazione efficace e una prevenzione dell’abbandono scolastico precoce. Cosa questa che avrà ricadute in tanti ulteriori ambiti.

– Avviare un a grande progetto di prevenzione:

prevenzione della malattie trasmissibili sessualmente

prevenzione delle gravidanze precoci che quasi inesorabilmente portano alla nascita di bambini

prematuri e immaturi. Formazione quindi ad una maternità e paternità responsabile.

– C’è un ulteriore impegno di Minerva, quello di proseguire nelle visite mediche nei villaggi, vicini e lontani da Sokponta.

Il tutto sarà seguito e assistito da un antropologo, Mauro Carosio, per quanto riguarda le eventuali difficoltà inerenti alla cultura e struttura antropologica degli abitanti del luogo.

Come potete constatare, non siamo più soli in questa meravigliosa avventura!

Siamo sei istituzioni che lavorano nello stesso territorio e, per risparmiare energia, fondi e quant’altro, abbiamo deciso di metterci insieme per raggiungere l’obiettivo che poi è l’unico per tutti noi: crescere insieme umanamente  in tutti gli sviluppi possibili.

Noi che veniamo dal ‘nord’ e loro i nostri amici beninesi nel ‘sud’, convinti che tutti apparteniamo alla stessa famiglia e che a tutti, compresi noi stessi, dobbiamo dare l’opportunità di essere e diventare  uomini  veri, autentici: ci si può ancora fidare! Possiamo ancora sperare in un mondo più giusto, più buono e più bello! Che la gioia e la felicità, anche in briciole se si vuole, le possiamo ancora gustare!

…e noi siamo i protagonisti di tutto questo!

Grazie a tutti, proprio a tutti.

Pino

Leave a Reply

Your email address will not be published.